Maggio o dicembre?

È il 6 maggio o il 6 dicembre?
Come ogni mattina anche oggi mi sono alzato per spegnere quella dannata sveglia sul cellulare, che a malincuore mi costringe sempre a scendere dal letto per far placare quel rumore a dir poco insopportabile. Ho sbloccato la schermata, ho letto i messaggi arrivati nella notte, ho aperto Instagram e in prima pagina è apparsa una foto, tutta bianca, postata da roccaraso.net, una pagina che durante l’inverno informa i turisti, sciatori, riguardo la situazione degli impianti dell’Aremogna. Mi si sono sgranati gli occhi alla vista del comprensorio tutto innevato e mi son chiesto: “Ma è il 6 maggio o il 6 dicembre?”
Ebbene sì, oggi è il 6 maggio 2019 e da quando sono nato non ho mai visto una cosa simile. Ma perché succede tutto questo?
Oggi viviamo una situazione di squilibrio ambientale, la quale sta portando via le stagioni da noi considerate di passaggio, quelle forse più belle e amate da tanti poeti: l’autunno e la primavera. Tutto ciò è causato da una cosa più importante di tutte le altre, ovvero l’impronta sconfinata che l’uomo ha impresso su questo meraviglioso pianeta. Non ce ne rendiamo più conto ormai, ma quella di oggi è forse la segnalazione più esplicita che la terra ci sta dando; ci sta invitando a cambiare rotta: a ridurre gli sprechi, a inquinare il meno possibile e a rispettare la natura. Non ci vuole tanto, basta solo un po’ di buon senso e di civiltà, che tanto manca a queste basse latitudini, per non condurci a disastri ambientali che coinvolgono spesso la vita di noi cittadini stessi. Come se a volte, la natura inconsciamente volesse punirci per vendicarsi dal male che le facciamo.
Poche settimane fa era Pasqua ed il giorno di Pasquetta proprio nella mia città, Napoli si è assistito a scene di inciviltà inaudite: ai piedi del vulcano Vesuvio proprio nel giorno di Pasquetta decine e decine di gitanti, criminali, si sono addentrati nel Parco Nazionale e hanno lasciato il deliro: tavoli rovesciati, sedie distrutte, barbecue, addirittura hanno abbandonato un motorino. Insomma, una discarica a cielo aperto, e nessuno fa niente… Magari andranno gli enti a pulire, ma il prossimo anno si ripresenterà lo stesso problema, perché è troppo facile lamentarci dei governanti che non fanno il proprio dovere. Ma noi cittadini non siamo da meno: se la carta non la butti per terra, ma nel cestino non ci sarà bisogno dello spazzino che te le raccoglie. E qui il punto cruciale; è l’essere umano di qualsiasi etnia che deve accorgersi e comprendere fin in fondo che per il bene di tutti bisogna rispettare l’ambiente, il nostro mondo.
Le chiavi della svolta sono in mano a noi giovani che ci stiamo impegnando, chi più chi meno, per affrontare questo grande problema che tocca tutti noi. In Svezia per esempio una bambina di nome Greta ha dato inizio a un ciclo di manifestazioni del venerdì, proprio per sensibilizzare il mondo e i potenti di questo pianeta, a favore di un’economia “green”, pulita.
Nel mio piccolo ho sempre cercato di essere un buon cittadino. Da anni vado in bicicletta e ho attraversato paesi, città, ma soprattutto montagne; le salite quelle mitiche per il ciclismo. La bici mi fa vivere con i miei occhi lo spettacolo della natura; lontano dalle industrie e dai centri urbani, disperso tra le montagne, ho ritrovato me stesso, la mia essenza di uomo. Ho visto dal vivo ambienti che tutti possono vedere su National Geographic, ma ho provato emozioni che non riesco neanche a spiegare. In salita sentivo il cuore battermi nelle orecchie, e le gambe bruciare, ma la voglia di arrivare in cima per godermi il panorama, mi ha spinto sempre più in alto.
E ora il mio appello a voi lettori.
Siate rispettosi di ciò che la natura vi ha donato, per permettere ai nostri figli, nipoti e 10, 100 generazioni future di vivere a in un mondo bello come è ancor oggi. E un ultimo consiglio: dimenticate qualche volta, la macchina, il bus e la moto ma salite su quel giocattolo con due ruote e due pedali; non ve ne pentirete!

Vincenzo Primavera, Napoli

Il sole intorno cui girare

In questo tempo pasquale, sollecitato da alcuni spunti, mi sono fermato a riflettere sull’importanza di avere un centro della vita, una sorta di ago della bilancia che fa si che tutti noi e i nostri “ego” riescano a stare in equilibrio e non cadere senza più riuscire a rialzarsi.
Credo che non esista solo un “sole” intorno al quale girino tutti i pianeti che compongono la nostra vita, ma piuttosto un insieme di soli, che rappresentano ciò che più ci sta a cuore (e a mente); e non tutti i nostri soli sono della stessa grandezza e della stessa importanza, e questi non sono statici ma assolutamente dinamici; sono credenze, valori, persone o cose senza le quali l’universo del nostro io non può essere tenuto insieme.
Ognuno di noi crescendo, facendo esperienze e scoprendo le proprie caratteristiche, deve trovare la propria vocazione, che può essere più di una, può essere scoperta in giovinezza o solo dopo lunghi anni di riflessione, che può essere tanto semplice quanto complicata, tanto concreta quanto astratta.
Ma l’importante è averla o essere in ricerca di essa in quanto questa spinta verso l’esplorazione del nostro io ci da un senso, da un significato a quello che siamo e a quello che vogliamo essere.
Ci permette di non perderci nella confusione, nell’indeterminatezza e nell’incertezza della nostra vita ma saper stare a galla e poi un giorno spiccare il volo.
Ognuno ha la sua missione, chi vuole salvare il mondo cercando di mettere fine alle guerre, chi combattendo la fame, chi prendendosi cura dei malati, dei bambini o degli anziani, chi semplicemente, ma non troppo, donando un sorriso. Non è importante cosa si faccia, ma è importante cosa sta dietro al gesto, ciò che lo comanda, cosa gli dà il via.
Un gesto senza alcun significato è un gesto vuoto, frivolo che non porta a niente e si esaurisce entro se stesso; cosi come le persone che compiono gesti senza significato, senza avere un centro, senza avere una vocazione. Vivere senza significato è come camminare al buio, senza sapere dove tu stia andando, senza avere una meta
Avere un centro, anima la nostra vita, la colora, fa si che siamo guidati da una spinta interiore che ci porta verso la propria realizzazione, verso un noi migliore.
Avere un centro significa avere un rifugio, una guida, un filo di Arianna che ci aiuta a destreggiarsi fra le difficoltà della nostra vita e ci fa mantenere il timone della nostra nave verso la meta che ci poniamo, condotti dalla nostra vocazione dritti verso gli scopi della nostra vita.

Samuele G. Genova